Convalescenza

A causa di un piccolo intoppo fisico (ma niente di che, eh, non vi preoccupate) devo rimanere per una settimana a casa. Niente lavoro, niente treno, niente pendolarismo. Almeno per un po’. Nel weekend me la sono cavata bene, c’era Marco a casa, poi ho avuto qualche visita da parte di genitori e parenti. Ma stamani, sola, di lunedì, verso le dieci già vagavo senza meta per la casa. Alla televisione non c’era niente, del computer mi ero già stufata, avevo anche letto un bel po’ del libro. Non potevo di certo uscire, con questo tempo.

Seduta pigramente sul divano, mi sono accorta di una faccina familiare che, dalla cornice Ikea sullo scaffale del mobile del soggiorno, mi sorrideva. Era la faccia allegra della mia nonna, che se n’è andata l’anno scorso, proprio in questo periodo. Come presa da un’improvvisa ispirazione, mi sono alzata, sono andata a cercare lo spiano di legno e l’ho sistemato sul tavolo in cucina. Ho preso il pacco della farina  e le uova, ho disposto un po’ di farina sullo spiano, formando una fontana, ho spaccato le uova e ho iniziato a impastare. Ho torturato a lungo quella palletta di impasto giallo, con i palmi delle mani, con forza. Lavorare un impasto con le mani è una delle attività che più mi rilassano. Come andare nel bosco a raccogliere le castagne. O in estate, a cercare i funghi e le more. E poi, passare le more per fare la marmellata. E guardare le more passate nella pentola che bollono pigramente, mentre un profumo meraviglioso si spande nella cucina.  Tutte attività a cui, ora che ci penso, è da un bel po’ che non mi dedico quasi più. Perché non ho mai tempo e anche quando ce l’avrei, magari mi dedico ad altro.

Mi ha insegnato mia nonna a fare la pasta all’uovo. Mi ha detto tante volte di stare attenta all’inizio quando inizi a mescolare gli ingredienti, che le uova scappano da tutte le parti sporcando ovunque. Della consistenza della pasta, che deve essere bella liscia. Di quanto è difficile trovare le condizioni di umidità ideali perché la sfoglia non si secchi troppo e neppure si appiccichi tutta insieme.  Anche se era da tanto che la facevo, stamani mi sono tornati in mente tutti questi suggerimenti, e l’impasto è venuto subito proprio bene, in modo molto semplice. Forse, essendo originaria di una terra di confine tra Toscana ed Emilia, la capacità di impastare la pasta all’uovo ce l’ho nel DNA, o forse è una specie di imprinting, visto che da piccola, in casa mia, non passava mai  una domenica mattina senza che Nonna Rosa impastasse la sfoglia.

Finito l’impasto, l’ho lasciato riposare un po’, poi l’ho tirato (con la macchinetta però, non con il mattarello!) e tagliato. Ed ecco il risultato: le mie tagliatelle! Esteticamente non sono male, no? E stasera, quando le cucinerò scopriremo anche se sono buone…

IMG_20131111_154924

Annunci

13 thoughts on “Convalescenza

  1. eh mia cara stare a casa è un’arte che si impara col tempo.. 😦 🙂 mi hai fatto venire gli occhi umidi con i tuoi “ricordi”.. anche io non ho più i nonni che da piccola mi insegnavano a fare le cose, ma li porto nel cuore, e mi ricordo tutto.

  2. Allora ci apetta un settimana di goloserie? 🙂 le nonne erano maestre in queste cose, la mia faceva dei ravioli meravigliosi… Comunque un po’ di sedentarietà non guasta ogni tanto, prova a godertela 🙂

  3. so che non è il consiglio di nonna ma, se ti capita, una volta fai metà farina di castagne e condisci con sugo di panna (vegetale se preferisci) e funghi (e salciccia, se non sei veg(etari)ana). goduria papillare e soddisfazione alle stelle. buona settimana.

  4. Anche io avevo una nonna Rosa che faceva la pasta tutte le settimane. Ricordo interi pomeriggi ad impastare, arrotolare, decorare (eh sì, gli gnocchi si passavano sulla forchetta per far venire le righine…)…
    Mi hai fatto ricordare cose belle. Un abbraccio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...