Bambini filosofi

Scesa dal treno, mi avvio verso l’ufficio. Davanti a me un babbo sta camminando accanto a suo figlio, un bel bimbo, di sei-sette anni mi pare, con uno zaino sulle spalle, evidentemente troppo grande per lui, visto che cammina tutto piegato in avanti. Mentre attraversiamo una strada secondaria, un motorino arriva veloce contromano e frena bruscamente a pochi centimetri dai due. Il babbo si blocca, lancia un’imprecazione non troppo elegante e afferra per lo zaino il bambino. Scampato il pericolo, il motorino riaccelera e sfreccia velocemente, immettendosi sulla strada principale.

Babbo: “Ecco, vedi? Questa è una dimostrazione dell’intelligenza umana.”

Bambino: “Perché dell’intelligenza umana? C’è anche un’intelligenza disumana?”

Babbo: ”Uno che arriva a questa velocità a un incrocio, contromano, tanto umano non è.”

Bambino: “Allora quello che guidava il motorino non è un umano!”

Babbo (preoccupato della piega che sta prendendo la conversazione, cambia discorso): “Anche i vigili però, quando servono non si fanno mai vedere, ci sono solo quando sono inutili”

Bambino: “Ma i vigili sono umani?”

Babbo: “Mica tanto…” (probabilmente, immagino, starà pensando a qualche multa per divieto di sosta presa a tradimento).

Bambino: “Come, non sono umani? ”

Babbo: “No, no, per niente umani!”

Bambino: “Ma allora, se non sono umani, cosa sono i vigili, marziani?”

Babbo: “Eh sì, i vigili devono proprio essere dei marziani…”

Bambino: “Però non sembrano marziani, a me sembrano umani. Forse sono marziani che si sono trasformati in umani?”

Babbo (evidentemente in difficoltà): “Oh, che la smetti di dire bischerate stamani?”

A questo punto io devo svoltare, mentre loro proseguono avanti, così mi perdo l’epilogo di questa surreale conversazione, peccato!

Annunci

One thought on “Bambini filosofi

  1. La conversazione è surreale e divertente, ma certo sintomatica di come i genitori mica sempre sono consci di quello che combinano. I bambini tendono a prendere alla lettere quello che dici loro e se non gli spieghi, se non li aiuti a capire, fai dei danni. questo povero bambino per anni a venire guarderà sotto il cappello dei Vigili urbani alle ricerca delle antenne… comunque “bischerate” è bellissimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...