Sotto-passaggi

Mi chiamo Gabriele. Vivo in una grande città, non occorre specificare quale, perché i quartieri periferici come quello dove abito sono tutti uguali, fatti di brutti palazzi, vecchie fabbriche ormai chiuse e abbandonate, aree che dovevano essere giardini, ma che ormai sono invase dalle sterpaglie. Di lavoro faccio il musicista. Ogni mattina parto con la mia chitarra, arrivo nel sottopassaggio della stazione ferroviaria vicino a casa mia, sistemo la scatola da scarpe per terra, vicino a me, e inizio a suonare. Non è una stazione centrale, la mia, nel sottopassaggio non ci sono negozi o bar, ma solo graffiti e sporcizia di vario tipo. Da qui non passano turisti spaesati con i trolley colorati e gli uomini d’affari con la ventiquattrore di pelle, ma solo pendolari stanchi. Li vedo, sono stanchi già la mattina,  che strascicano le gambe verso il rispettivo treno.

C’è un signore che arriva sempre tardi e corre verso il binario, purtroppo però spesso quando arriva a salire le scale del sottopassaggio, il treno è già arrivato e sta svuotando il suo carico di passeggeri. Il signore allora si ritrova a percorrere le scale in salita e “controcorrente”, un po’ come i salmoni, che risalgono i fiumi, talvolta non ci riesce e torna indietro mestamente.

C’è  una signora, anche lei arriva sempre tardi, con i pantaloni attillati, la borsa all’ultima moda e i tacchi rigorosamente a spillo. Anche lei tenta di correre per raggiungere il binario, ma con quei tacchi, a camminare, mi ricorda tanto un Tirannosaurus  Rex.

C’è poi un uomo sulla trentina, vestito da impiegato, che ogni mattina mi lascia qualche spicciolo. “Bisogna supportare gli artisti”, mi disse una volta. Chissà, forse voleva diventare anche lui un musicista, magari anche un musicista di strada come me. Magari qualche anno fa aveva i capelli lunghi e pensava di poter cambiare il mondo. Ma poi come tutti, ha preferito accontentarsi di un lavoro sicuro, il cosiddetto posto fisso, un po’ monotono magari, come ha avuto il coraggio di dire un certo ministro, ma che almeno gli permette di pagare il mutuo in banca e mantenere la famiglia.

La sera vedo gli stessi personaggi che percorrono il tragitto in senso opposto. Sempre più stanchi, procedono verso le loro macchine e le loro abitazioni, senza curarsi di niente e nessuno, nemmeno di me, che cerco inutilmente di svegliarli con ritmi allegri.

Un pomeriggio, fuori dal sottopassaggio, un gruppo di attivisti di sinistra stava distribuendo volantini sul valore della Resistenza. C’era una ragazza carina tra loro, sembrava anche molto simpatica, che, oltre a distribuire i volantini, tentava di scambiare qualche parola con i passanti, per spiegare loro le varie iniziative che stavano promuovendo. Senza molti risultati, visto che nelle stazioni ferroviarie tutti hanno sempre fretta. Si stava abbattendo, la vedevo, allora ho iniziato a suonare “Bella ciao”.

L’altra settimana ho preso l’influenza e sono stato a casa per quattro giorni. Quando sono tornato, ho notato che tutte queste ombre erano un po’ meno indifferenti, anche se gli spiccioli erano sempre pochi, per lo meno qualcuno mi ha sorriso, qualcun altro, passandomi davanti, ha rallentato un pochino. Quella sera sono tornato a casa più contento del solito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...